Il progetto cofinanziato dall’Unione Europea (n.101052219) coordinato da SindNova, in partenariato con  FIM-CISL, FEMCA-CISL, Fundacion 1 de Mayo, FCIW, UPEE, FTUM, BCM, IndustriAll Europe e CC.OO. ha l’obiettivo di fornire competenze specifiche e informazioni chiave sulla normativa vigente in materia di diritti di informazione e consultazione, per garantire il pieno coinvolgimento dei lavoratori nelle imprese. E’ importante dotare i lavoratori delle giuste conoscenze e competenze che permettano loro di condurre, attraverso i loro rappresentanti, un proficuo dialogo con i rappresentanti delle imprese multinazionali. I diritti dei lavoratori all'informazione e alla consultazione costituiscono diritti sociali europei fondamentali che aiutano a risolvere i conflitti, creare atmosfere più collaborative sul posto di lavoro e persino aumentare la competitività aziendale. Questi diritti assicurano che i lavoratori e i loro rappresentanti siano direttamente coinvolti nelle decisioni aziendali prima che vengano prese. In quanto tali, i sindacati e le rappresentanze dei lavoratori, anche a livello aziendale, hanno bisogno di essere dotati delle conoscenze e delle competenze per comprendere e anticipare i cambiamenti imminenti e mantenere un dialogo continuo con il management.

Il progetto partirà da un’analisi comparativa, nei quattro paesi coinvolti (Italia, Spagna, Bulgaria e Macedonia del Nord), dei sistemi nazionali di Relazioni Industriali e la loro predisposizione verso un metodo efficiente di coinvolgimento dei lavoratori nelle imprese. Seguiranno tre corsi di formazione a Madrid, Sofia e Skopje rivolti a lavoratori, rappresentanti dei datori di lavoro, membri dei CAE e responsabili HR e IR. Durante la Conferenza finale a Roma che avrà l’obiettivo di stabilire una base comune per un dibattito fruttuoso e lo scambio di esperienze tra stakeholder e attori, sarà presentato il Rapporto Finale.